SABATO 21 MAGGIO

DESCRIZIONE DEL PERCORSO 

Il menù ciclistico della prima giornata prevede un anello principale a cui aggiungere un secondo tratto che, sebbene aggiunga solo una manciata di km, aumenta il dislivello di 500 mt e presenta tratti maggiormente tecnici.

Partenza e arrivo sono nel comune di Traversetolo con partenza dal Parco Lido Valtermina ed arrivo ad Oinoe città del vino sulle colline di Guardasone (2 km dalla partenza/parcheggio).

  • Si parte con un tratto in asfalto collinare per poi affrontare una prima salita e tratti sterrati prima di Felino e della prima merenda.
  • Si riparte tra le vigne e tratti in mezzo ai campi.
  • Intorno al km 18 si inizia a salire in maniera più o meno costante per 10 km e si raggiunge il punto più alto a 440 mt slm.
  • Al km 40 si attraversa il fiume Parma e presto si affronta un bellissimo tratto misto asfalto-sterrato tra campi e piccole frazioni.
  • All’altezza di Parco Borboj (km 45) il più è fatto. 
  • Procedete per raggiungere la cima della salita a Monte Fornello.
  • A questo punto potete optare per il percorso lungo o rientrare verso Traversetolo (prestate attenzione a questo bivio per stare sul percorso scelto).
  • Proseguendo. Gli ultimi km di crinale offrono scorci panoramici magnifici tra campi e calanchi per entrambi i percorsi.
  • Per chi continua, incontrerete salite impegnative e discese da condurre di polso. Siamo in un’area dove già si respirano gli Appennini.
  • Si perde quota ma non per molto perché inizia la seconda salita con pendenze oltre al 15% che porta a Trinzola. – Si riprende fiato prima di affrontare la salita che porta sul crinale di Coste di Bazzano da dove con una indimenticabile strada bianca di crinale si percorre l’ultimo tratto in leggera discesa verso Guardasone e poi giungere ad Oinoe città del vino.
  • Non domenticatevi di godervi questo incredibile panorama sulla Valle dell’Enza da una parte, coi castelli di Rossena e Canossa, e dall’altra con le colline morbide che sovrastano la zona della vigne.

NOTA

I percorsi definitivi saranno disponibili la settimana prima dell’evento.

DOMENICA 22 MAGGIO

DESCRIZIONE DEL PERCORSO

Nel secondo giorno dell’evento proponiamo tre percorsi di cui il 120 km è il vero gravel grinder del week-end.

Partenza ed arrivo sono da Corte di Giarola nel comune di Collecchio. 

In pochi km si giunge già nel verde dei Boschi di Carrega sbucando dall’altra parte nel comune di Sala Baganza che all’ombra della Rocca di Sanvitale ci allestirà la colazione. 

  • Si riparte caffeinati per Felino dove si può già optare per il percorso corto. Altrimenti si prosegue in mezzo alle vigne tra le colline di Felino e Torrechiara. 
  • Dopo qualche km facile lungo il Parma, si può decidere di proseguire attraversando il ponte e puntando decisi verso le colline di Traversetolo e Neviano, oppure di portarsi verso il Castello di Torrechiara e la seconda sosta/merenda (che i partecipanti al percorso lungo raggiungeranno dopo al km 75). 
  • Il percorso gravel grinder lungo sale deciso verso Mulazzano per poi scendere di quota e riaccendersi con la tosta salita a Trinzola girando attorno al Monte Figna.
  • Uno spettacolare single track riporta in un fondovalle asfaltato.
  • Si sale per qualche km su asfalto per imboccare lo sterrato e percorre per 6.5 km il crinale di Coste di Bazzano con dei tratti divertentissimi e panoramicissimi. Si giunge a Pieve di Bazzano, punto più alto a 485 mt. 
  • Il tratto misto (asfalto-gravel-sentiero) successivo riporta a Mulazzano e presto si riattraversa il Parma nel comune di Langhirano e si prosegue per giungere alla merenda di Torrechiara ricongiungendosi al percorso medio.
  • Le colline tra Torrechiara ed il castello di Felino sono ricoperte da campi e vigne ma non danno tregua con parecchi sali-scendi. Si giunge al Castello di Felino – e ci si ricongiunge anche al percorso corto – per la merenda a base del prelibato salame. 
  • Si attraversa tramite un singolare guado il fiume Baganza e subito dopo il bel borgo di San Vitale Baganza.
  • Raggiungiamo un crinale che parte da Torre del Boriano e porta ai famosi Calanchi di Maiatico. Siamo al km 95 ed il caso vuole che qui sia collocata l’azienda agricola vini Palazzo che ci accoglierà con un calice di vino pronto ed un piatto caldo.
  • Il più è fatto ma mancano ancora due dei tratti più suggestivi del percorso. Il Casino dei Boschi di Carrega è un posto molto suggestivo e lo si raggiunge al km 103.  
  • Il finale corre lungo il fiume Taro ed all’interno dell’omonimo parco. Godetevi questi ultimi km che presto giungerete nuovamente alla Corte di Giarola per la festa ed il banchetto finale. 

NOTA

I percorsi definitivi saranno disponibili la settimana prima dell’evento.